Flan di crescenza e uvetta al Cognac con miele al timo

Aggiornato il: mar 13




Oggi ho invitato un'amica a cena!

Mi capita ogni tanto di essere sola la sera, mio marito in viaggio e mia figlia da suo papà e devo essere sincera, non mi dispiace affatto!Non fraitendetemi, amo la mia famiglia alla follia, e in realtà non sono sola ,ho due cani, Rucola e Dj, e una gatta, Castagna, che mi stanno sempre vicino, rendendo comunque le mie giornate allegre, ogni tanto però avere del tempo da passare solo con me stessa  mi fa star bene e mi fa apprezzare ancora di più il caos che si crea quando siamo tutti insieme!

Questa sera ho deciso di cucinare per una mia cara amica,Aila, che è anche proprietaria di un bellissimo campeggio qui in zona (www.campingcarso.it).

Oltre ad essere una persona dinamica e attiva Aila è anche una naturalista e ha trasformato i terreni adiacenti al suo campeggio in fantastici campi coltivabili dalla quale provengono frutti e ortaggi rigorosamente biologici. Io mi diletto spesso a preparare ricette dolci e salate con i suoi prodotti perchè ne conosco la provenienza e la tipologia di coltivazione, comprare da lei è una sicurezza per il gusto e per la genuinità.Essendo però la sua  un'attività stagionale , in questo periodo, non ho potuto attingere ai suoi prodotti, ciò nonostante ci tengo a fare una bella figura...e poi si sà, se ho un buon motivo per cucinare mi diverto ancora di più.

Per dolce ho deciso di provare qualcosa di nuovo prendendo una ricetta dal mio mensile di cucina preferito, Sale e Pepe, e scegliendo per il "flan di crescenza e uvetta al Cognac con miele al timo". La ricetta è sul numero di febbraio 2019.

I dolci che alla base hanno formaggio sono particolarissimi, non li ritengo adatti a tutti i giorni, sono abbastanza carichi quindi io personalmente li faccio in occasioni speciali.Le cheesecake senza cottura sono un dolce titpicamente estivo, l'abbinamento con tutti i tipi di frutta è ottimo ma poco invernale, le cheescake cotte invece posono essere gustate anche con il freddo. In questa ricetta mi è piaciuta  particolarmente l'idea di versare il miele e aggiungere il timo prima di servire...

Ho seguito passo passo la ricetta:

Ingredienti per uno stampo quadrato di 24 cm di lato:

-550 gr di crescenza -4 uova -200 gr di zucchero 150 ml di panna fresca -60 gr di amido di mais -scorza grattuggiata di un limone non trattato 100 gr di uvetta -1 bicchierino di Cognac -1 mazzetto di timo -2 cucchiai di miele di acacia

Procedimento:

-Mettetete a bagno l'uvetta con acqua tiepida e il Cognac. -Intanto unite nel mixer lo zucchero e l'amido ben mescolatoaggiungete poi la crescenza , la panna e le uova precedentemente sbattute insieme con una forchetta -Azionate il mixer per qualche minuto per ottenere un composto omogeneo e cremoso -Strizzate l'uvetta e aggiungetela insieme alla buccia di limone al composto,mescolate bene. versate il tutto nello stampo e infornate a 160° . La ricetta dice per 30'-35', io l'ho lasciata 1 ora perchè al centro rimaneva cruda.Potrebbe essere un problema di forno ma vi assicuro che se rispettavo i tempi indicati avrei ottenuto una cheesecake ancora cruda al centro. -Una volta cotta l'ho fatta raffreddare completamente per poi tagliarla a quadroni e servirla con il miele e il timo.

Nella rivista si dice di mescolare il miele con l'acqua , a me è piaciuta più la versione con il miele puro. Il risultato è venuto ottimo!! E' una cheesecake dal gusto delicato ma molto dolce, il timo infatti si sposa benissimo e smorza il gusto zuccherino della torta. In defnitiva penso sia una ricetta facile da fare e di impatto, se avete poco tempo è perfetta, ricordatevi però che deve essere ben fredda prima di essere tagliata e servita.Una volta frornata si sgonfia un pochino creando quell'effetto conca, ma se ben cotta va bene così!

Aila ha gradito molto e se ne è portata via un pezzo da condividere con i suoi figli, tutto questo mi ha reso felice e soddisfatta!!



8 visualizzazioni

©2019 by Creato da Giorgia Bacchia con il sostegno morale della mia famiglia e dei miei amici.Fotodel Carso di Janko Furlan