Sbagliando s'impara

Aggiornato il: mar 13


Mia suocera è un ottima cuoca!

Da buona abruzzese DOC ha la capacità di creare in cucina pietanze squisite. Sono convinta che sia un fatto genetico!! Ogni volta che andiamo a trovarla passiamo l'intero viaggio a pensare a  tutte le prelibatezze che ci aspettano.

Lei ama cucinare di tutto ma i dolci non rientrano tra i suoi piatti preferiti.

Questo fatto un pochino mi gratifica perchè ci compensiamo, il mio amore per la creazione dei dessert viene apprezzato e così cerco sempre di preparare qualcosa da portarele in regalo.

In tutti questi anni ho capito che ,in fatto di torte, le sue preferenze si concentrano su dolci secchi,

in famiglia ridiamo insieme  chiamandole "le torte del penitente"!

Questa volta mio marito doveva andare a Pescara per motivi di lavoro e io avevo deciso di preparare una torta alle nocciole con un cuore di cioccolato, la decisione mi sembrava perfetta perchè la  prima volta che ho fatto questo dolce è stato un vero successo.

In occasione della festa di compleanno di mia figlia tutte le sue amiche si sono letteralmente spazzolate la ciambella senza lasciarne briciola.

Tristemente le mie previsioni si sono rivelate sbagliate!!

Per rendere  la torta spettacolare avevo deciso di utilizzare il mio nuovo stampo della silikomart... il risultato mi sembrava assicurato ... un dolce "classico" ma con una forma moderna, niente di meglio per una suocera che di mestiere fà l'architetto!!! Avevo solo il pomeriggio prima della partenza a disposizione e con tutto il mio impegno ho iniziato  a preparare l'impasto della ciambella alle nocciole e cioccolato ( ricetta che trovate in questo post).

Lo stampo però era diverso, questa volta l'impasto andava posizionato pieno e non a forma concentrica come la volta precedente. Non ho quindi valutato che la parte di crema alle nocciole che , dopo aver congelato, dovevo posizionare a metà dell'impasto, risultava un disco compatto influendo negativamente sulla cottura interna della torta!! Il risultato è stato un semi disastro, non tanto nel gusto, la parte ben cotta infatti è rimasta deliziosa, ma nella forma!!

Era inguardabile e il centro era rimasto crudo...

Il disco di  crema alle nocciole infatti aveva "bloccato" la cottura interna impedendo al calore di entrare letteralmente nella torta ,lasciando il centro morbido e creando una specie di "cratere" non cotto che non poteva essere mangiato!

Le foto che vi mostro sono abbastanza chiare!!



Con un pochino di tristezza, non avendo tempo per farne un'altra, ho mandato mio marito in viaggio senza un dolce da portare, facendo invece la felicità di mia figlia che,eliminando la parte centrale, si è mangiata quasi tutta da sola una delle sue torte preferite!!

Ho così  imparato due cose fondamentali:

LA PIU' IMPORTANTE
1 :non fare esperimenti quando si tratta di dolci per la suocera

E LA SECONDA

2: il cuore di crema di nocciole va creato con poca crema per evitare l'effetto "tappo" che non permette la corretta distribuzione del calore all'interno dell'impasto..

10 visualizzazioni

©2019 by Creato da Giorgia Bacchia con il sostegno morale della mia famiglia e dei miei amici.Fotodel Carso di Janko Furlan