Al Pescaturismo, l'agriturismo di pesce per chi ama mangiare bene.

Aggiornato il: giu 17


Vivo a Duino Aurisina,

un luogo che ho scelto per la sua bellezza, immerso nel verde dove Carso e mare si incontrano in un paesaggio unico, dove è possibile ammirare le rocce calcaree che si tuffano a picco nel mare regalando scorci di bellezza mozzafiato.

La natura intrinseca di questo territorio così particolare si riflette anche nelle specialità enogastronomiche, mari e monti si completano in deliziosi piatti da gustare nei ristoranti e negli agriturismi della zona.

Qui si mangia bene!

E la scelta soddisfa i palati anche più esigenti.

Ma anche la location ha un importanza fondamentale nella scelta del locale in cui passare una serata, un pranzo o un aperitivo in compagnia.

Per questo voglio raccontarvi di un posto particolare, un agriturismo di pesce che mi regala un'esperienza speciale sia per il gusto che per l'atmosfera ogni volta che vado.

Parlo del Pescaturismo!

Ci troviamo al Villaggio del Pescatore, un piccolo paese affacciato sul mare dove possiamo godere del profumo di salsedine e di una vista su tutto il golfo di Trieste che calma anche le anime più agitate, un paesino che ospita da un paio di generazioni una piccola comunità di pescatori e miticoltori.

Il Pescaturismo è il primo ittiturismo italiano, letteralmente un agriturismo di pesce.

Inaugurato nel 2002 questo ittiturimo è gestito dai fratelli Minca, una famiglia che ha portato avanti l'attività di miticoltura iniziata dalle generazioni precedenti. L'attività principale della famiglia Minca consiste nella depurazione, nella spedizione e nella vendita di molluschi sia all'ingrosso che al dettaglio.

Coordinare tutto il lavoro coinvolge la famiglia intera, Mario Minca insieme al genero Massimo gestisce la parte di distribuzione mentre Eliana, insieme alle due figlie Eleonora e Francesca si occupa dell'ittioturismo dove la cucina è in mano a Paolo, il compagno di Francesca. Paolo propone i prodotti freschi in ricette semplici e delicate per un'esperienza del gusto veramente unica, piatti chiaramente serviti all'interno del Pescaturismo.

Realizzato in legno, questo locale si affaccia sul mare, godersi una cena o un pranzo qui non è solo mangiare bene, è rilassarsi, è godersi la tranquillità, il profumo del mare e il suono leggero delle onde in movimento.

Il Pescaturismo è diventato nel tempo un punto di riferimento della ristorazione locale, la riscoperta dei prodotti del territorio, i piatti semplici ma preparati con un'attenzione particolare alla tradizione e alla freschezza del prodotto l'hanno reso il punto di ritrovo per chi vuole essere certo di gustare il pesce fresco del golfo!

Cosa significa questo?

Significa che troverete un menù realizzato solo con i prodotti che il mare offre in quella stagione, in quei giorni.

Questo è il valore massimo che personalmente credo sia fondamentale quando si vuole mangiar bene.

Il rispetto per la stagionalità, il poter conoscere e capire quello che il territorio che stai vivendo offre è sicuramente la base per un'alimentazione sana e rispettosa dell'ambiente.

Ma ora dedichiamoci ai piatti del Pescaturismo.

L'ingrediente caratteristico che viene servito in preparazioni diverse e particolari sono le cozze!(ovvio, sono dei miticoltori penserete!)

Le cozze impanate sono il cavallo di battaglia,

Non si può non assaggiarle, servite con una salsina delicata e deliziosa,la salsa tartara, diventano l'antipasto di rito.

Il menù è ricco e vi consiglio di dare un'occhiata al loro sito web dove troverete l'elenco completo,ma voglio condividere con voi quelli che sono i miei piatti preferiti: lo sgombro affumicato con salsa al cren è molto particolare, il piccante della radice di rafano si abbina perfettamente al dolce gusto del pesce, un abbinamento insolito che trovo perfettamente azzeccato.

La zuppa di pomodoro e cozze è un piatto particolare, difficilemente lo troverete in altri locali, la sua semplicità lo rende delicato, ottimo se ci si vuole poi godere un secondo piatto abbondante.

Sul pescato del giorno mi ripeterei, come ho già scritto, troverete quello che il mare ha deciso di regalarci, quindi il pesce alla griglia, al forno oppure in filetti vi verrà elencato sul momento da Eliana.

Non posso non nominare il fritto misto, la mia piccola nipotina, Beatrice, 6 anni, ha divorato (proprio divorato) i sardoni e i moli sia quelli impanati che quelli fritti.

Sappiamo bene tutti quanto i bimbi possono essere difficili in fatto di cibo, per dimostrarvi e rendervi partecipi della soddisfazione della piccola vi invito ad ammirare la foto che ho fatto!

Non ci sono dubbi era proprio buono!

I prodotti della famiglia Minca si possono trovare anche nei mercati coperti Campagna amica della Coldiretti di Udine e Gorizia e nel centro di spedizione.

Anche grosse novità in arrivo, una linea di prodotti già pronti a breve sarà disponibile per l'acquisto al dettaglio e all'ingrosso, una scelta di piatti che dovranno solo essere riscaldati e portati sulle nostre tavole tutte le volte che vorremo mangiare del buon pesce, vi consiglio quindi di tenervi aggiornati e di seguire tutte le novità attraverso i canali social:

Il Pescaturismo è aperto il venerdì e il sabato a pranzo e a cena e la domenica solo a pranzo, consiglio di prenotare così Eliana riuscirà a sistemare al meglio i tavoli nel rispetto della normativa sul distanziamento sociale.

Cosa dire di più?

Provate e vedrete che mi darete ragione!

#ittiturismo #agriturismodipesce #ristorantedipesce #mangiareatrieste #tortefelici #happinessinacake #pescefresco #pescatodelgiorno #duinoaurisina #cenadipesce #frittomisto #miticoltura

0 visualizzazioni

©2019 by Creato da Giorgia Bacchia con il sostegno morale della mia famiglia e dei miei amici.Fotodel Carso di Janko Furlan